Attrazioni

  • Parco nazionale dell'Asinara

    Indirizzo:
    Via Asinara 1 .

    Il Parco nazionale dell'Asinara è un'area naturale protetta istituita con decreto il 28 novembre 1997. Si trova in Sardegna e più precisamente in provincia di Sassari. L'intero territorio del Parco nazionale è rappresentato dall'isola dell'Asinara

  • La Pelosa

    Indirizzo:
    La Pelosa, Stintino, Province of Sassari, Italy .

    La Pelosa di Stintino Nell'estremo lembo nord-occidentale della Sardegna, nel comune di Stintino, la spiaggia La Pelosa è una meraviglia di sabbia bianchissima e mare cangiante che assume tutte le tonalità dell'azzurro.

     

  • Spiaggia Ezzi Mannu

    Indirizzo:
    Spiaggia di Ezzi Mannu, Via Ezzi Mannu, 07040 Stintino SS, Italy .

    La Spiaggia Ezzi Mannu di Stintino è facilmente raggiungibile tramite la SP34 in direzione Stintino; dopo 3 chilometri circa dal bivio per Pozzo San Nicola si trovano le indicazioni per Ezzi Mannu, fino alla biforcazione della stradina in due direzioni opposte, entrambe indirizzate ad un parcheggio a pagamento. Si tratta di una spiaggia di sabbia chiara mista a sassolini candidi, affacciata su un bel mare trasparente e dalle cangianti tonalità dell'azzurro. Ezzi Mannu è circondata da suggestive formazioni dunali ricoperte di vegetazione ed in generale è immersa in un contesto naturalistico dall'indubbio fascino selvaggio e solitario, guastato però dal profilarsi degli stabilimenti della centrale eolica di Fiume Santo. La spiaggia è attrezzata ed offre un ampio parcheggio ed un punto di ristoro. 

  • Coscia di Donna

    Indirizzo:
    Coscia di Donna, Italy .

    La spiaggia di Coscia di Donna, si trova sulla costa occidentale del nord Sardegna, nel comune di Stintino. E' tra le poche spiagge rocciose della zona che possono essere raggiunte anche via terra. Si tratta di una spiaggia con arenile di ciottoli e ghiaia, di colore chiaro. Il mare è trasparente con un colore tra il verde e l'azzurro. Il fondale è roccioso e quasi subito profondo; è quindi particolarmente indicato per attività di snorkeling ed immersioni. La spiaggia di Coscia di Donna non è mai particolarmente affollata, nemmeno nei mesi di maggior affluenza turistica proprio per le sue caratteristiche di rocciosità ed anche di non molto agevole accessibilità; è quindi particolarmente adatta per chi ama la natura più brulla e la tranquillità. Non offre servizi, se non il posteggio.

  • Cala Unia

    Indirizzo:
    Cala Unia, Stintino, Province of Sassari, Italy .

    La Spiaggia Cala Unia è una piccola cala caratterizzata da un trasparentissimo mare color turchese, immerso nella natura più selvaggia, in una delle coste rocciose più frastagliate e impervie dell’isola.
    Si accede seguendo le indicazioni del vicino Nuraghe di Unia, uno dei nuraghi più a Nord della Sardegna, che probabilmente ha dato anche il nome alla piccola caletta.
    Si tratta di una spiaggia poco frequentata, per via dell’accesso, un po complicato via terra, per via di terreni di proprietà privata che la circondano, caratteristica tipica delle spiagge limitrofe come la Spiaggia Su Puntellu e la Spiaggia Isola dei Porri.

  • Spiaggia Pazzona

    Indirizzo:
    Spiaggia Pazzona, Stintino, Province of Sassari, Italy .

    La Spiaggia Pazzona di Stintino è raggiungibile tramite la SP34 in direzione Porto Torres; dopo alcuni chilometri si devono seguire le indicazioni, sulla sinistra, per le località di Pazzona e Punta d'Elici, ove si intraprenderà una strada sterrata che in pochi chilometri porta alla spiaggia. Si tratta di una spiaggia bianca di frammenti di quarzo e ghiaia fine che, quando è libera dalle alghe, offre un mare trasparente e cristallino e dalle tonalità cangianti dell'azzurro. Il litorale è ampio e lungo, ideale per piacevoli passeggiate, ed è incorniciato da dune di sabbia ricoperte da una bassa vegetazione. La spiaggia non è attrezzata ed in genere è poco frequentata, cosa che le regala un fascino solitario particolare.

  • Le Saline

    Indirizzo:
    Le Saline, Province of Sassari, Italy .

    La Spiaggia Le Saline di Stintino è un luogo piuttosto frequentato che si trova vicino alle strutture di antiche saline, esistenti fin dal Duecento, e agli edifici seicenteschi abbandonati della tonnara delle Saline. Si tratta di una lunga distesa di sabbia e ciottoli chiari che merita di essere scoperta, dominata da una torre spagnola tra le più antiche di tutta l'isola. Il mare è azzurro, limpido e trasparente, con un fondale piuttosto basso ideale per lunghe nuotate. Nei giorni in cui è battuta dal vento, Le Saline è molto frequentata anche dagli amanti del surf e dell'windsurf. Per raggiungere la spiaggia si prende la SS131 da Sassari in direzione Porto Torres, ove si lascia la statale proseguendo per Stintino. Poco prima di Stintino e della bella torre spagnola, nei pressi di una villa si deve svoltare a destra e prendere una stradina asfaltata che porta direttamente alla spiaggia. Quest'ultima è ben attrezzata ed offre un parcheggio, bar, punti di ristoro ed un hotel.

  • Isola dei Porri

    Indirizzo:
    Isola dei Porri, Stintino, Province of Sassari, Italy .

    Cala Isola dei Porri è situata ad una decina di chilometri da Stintino, sul caratteristico isolotto dei Porri, separato dalla costa da uno stretto canale. Una volta la cala, assieme alle varie spiaggette dell'isola, era facilmente raggiungibile in auto lungo stretti sentieri sterrati; ad oggi l'accesso non è consentito, quindi è necessario o noleggiare una imbarcazione, oppure arrivarci a piedi lasciando l'autovettura dopo il Villaggio Bagaglino in direzione della Cala Coscia di Donna: il tragitto è piuttosto lungo, ma ripagato dal bellissimo contesto naturalistico. Una volta arrivati, la caletta si presenta di sabbia chiara mista a ciottolini, con un arenile circondato da natura incontaminata e bagnato da un mare profondo, spesso agitato a causa del vento.

  • Balai

    Indirizzo:
    Balai, Porto Torres, Province of Sassari, Italy .

    La spiaggia di Balai prende il suo nome dalla caratteristica chiesa a picco sul mare nota con il nome di San Gavino a mare (o di Balai vicino). E' una piccola caletta delimitata da una serie di insenature rocciose.

    La sabbia fine, l'acqua cristallina e poco profonda sono qualità che fanno della spiaggia di Balai la più frequentata della zona di Porto Torres.

  • Maria Pia Alghero

    Indirizzo:
    Maria Pia, Alghero, Province of Sassari, Italy .

    La Spiaggia Maria Pia di Alghero si trova a circa 1 chilometro dal centro abitato della città e si raggiunge proseguendo per la strada da Fertilia. La spiaggia è un lungo tratto di sabbia bianca fine e morbida di circa 2 chilometri, nascosto da un'alta duna coperta di alberi. Alle sue spalle una bella pineta da attraversare obbligatoriamente se si vuole raggiungere la spiaggia e nella quale è organizzato anche un Percorso Naturale. Il mare ha colori straordinariamente cristallini e le sue acque digradano dolcemente dalla riva verso il largo. I due piccoli stabilimenti che si trovano sulla spiaggia possono essere evitati se si sceglie di stare negli ampi spazi di arenile libero. In spiaggia si trovano numerosi bar e ristoranti.

  • Grotta di Nettuno

    Indirizzo:
    Grotta di Nettuno, Province of Sassari, Italy .

    Nel cuore del promontorio di Capo Caccia si aprono gli scenari fiabeschi del mondo sotterraneo della Grotta di Nettuno.   

    Gioiello naturale tra i più affascinanti di tutto il bacino Mediterraneo, la grotta è una vera e propria meraviglia geologica che richiama ogni anno più di 150 mila visitatori.

    È accessibile via mare con il servizio della Linea Grotte in partenza dal porto turistico o via terra percorrendo la “Escala del Cabirol” (scala del capriolo), una scala a rampe di circa 660 scalini “scavata” sul costone del promontorio

    L’itinerario turistico inizia nella grande sala che ospita le trasparentissime acque del Lago Lamarmora uno tra i più grandi laghi salati d’Europa

    È qui che si erge l’Acquasantiera, una monumentale stalagmite alta circa due metri, che ospita sulla sua sommità alcune vaschette dove si raccoglie poca acqua piovana offrendo una fonte preziosa di abbeveramento per gli uccelli che nidificano nella zona del Capo.

    Dopo una breve discesa si raggiunge la Sala delle Rovine e dopo questa la maestosa Reggia che ospita lo scenario più suggestivo di tutta la Grotta. Suggestivi e imponenti colonnati si ergono in questa sala quasi a reggerne il soffitto.

    Tra grandi colate e festoni calcitici spicca la caratteristica formazione stalagmitica chiamata Albero di Natale. Il lago termina con una spiaggetta sabbiosa chiamata Spiaggia dei Ciottolini perché un tempo era interamente formata di sassolini.

    Dopo la Reggia si incontra la Sala Smith dove si erge il Grande Organo, la più grande colonna dell’intera Grotta. Questa sala deve il suo nome al capitano inglese che agli inizi dell’800 fu uno dei primi esploratori della Grotta.

    Dopo aver ammirato le piccole colonnine che adornano la Sala delle Trine e dei Merletti, il percorso termina con la visita della Tribuna della Musica, un suggestivo balcone dal quale si può godere la vista dall’alto della zona della Reggia e del Lago Lamarmora.

  • Alghero

    Indirizzo:
    Alghero, Province of Sassari, Italy .

    Quinta città sarda per abitanti (44 mila), Alghero è porta dell’Isola, grazie all’aeroporto di Fertilia, nonché uno dei suoi luoghi più amati, grazie a emozionanti passeggiate lungo i bastioni del porto, i tetti rossi che toccano il cielo e la splendida insenatura naturale affacciata sul mare smeraldo. Il suo litorale è lungo circa 90 chilometri, detto Riviera del Corallo: qui vive la maggiore colonia di corallo della qualità più pregiata. La spiaggia più nota è Le Bombarde: acque trasparenti, fondale sabbioso e limpido, meta di famiglie con bambini, giovani e appassionati di surf. Ad appena un chilometro di distanza, c’è il Lazzaretto, dieci calette con sabbia chiara e sottile. Un po’ più distante, all’interno della baia di Porto Conte, la rilassante spiaggia di Mugoni, sabbia dorata che si immerge in acque placide di un mare sempre calmo e cristallino, un’oasi totalmente riparata. In piena città, invece, c’è lo splendido Lido di San Giovanni, mentre, poco fuori dal centro abitato, le dune di sabbia coperte di ginepri secolari di Maria Pia. Gran parte della costa è protetta dall’area marina di Capo Caccia - Isola Piana, dove sono custoditi centinaia di tesori, tra cui la grotta di Nettuno, raggiungibile via terra, tramite l’Escala del Cabirol, e via mare, con imbarcazioni che partono dal porto turistico.

    Il parco di Porto Conte ti conquisterà con le sue distese di macchia mediterranea, le ricche zone boscose e la laguna del Calich. Le domus de Janas di santu Perdu, la necropoli di Anghelu Ruju e i complessi di Palmavera e sant’Imbenia, sono le testimonianze delle radici preistoriche di Alghero, a partire dal Neolitico. Il centro storico è la parte più affascinante della città. Un labirinto di vicoli che sbucano in piazze piene di vita. Le mura gialle e le case antiche rievocano le origini catalane del paese. Così come gli edifici religiosi: la cattedrale di Santa Maria (XVI secolo), le chiese del Carmelo (seconda metà del XVII), con il suo grande retablo dorato, di san Michele, con la caratteristica cupola in maiolica colorata, e di Sant’Anna (1735), in stile tardo-rinascimentale. A proposito di cultura, visita la Casa Manno, centro di ricerca con un ricco patrimonio di quadri, arredi, libri e manoscritti. Alghero è famosa per il corallo, che nell’arte manifatturiera locale viene unito all’oro in un felice connubio artistico. Imperdibile è il museo del Corallo, che ne svela storia e forme. Tra gli eventi, suggestivo è il Cap d’Any de l’Alguer, il capodanno, con spettacoli che animano il centro. Il momento più appassionato dell’anno è la Settimana Santa, con i riti religiosi della tradizione spagnola.

    --

    Fifth Sardinian city for inhabitants (44 thousand), Alghero is the gateway to the island, thanks to Fertilia airport, as well as one of its most popular places, thanks to exciting walks along the ramparts of the port, the red roofs that touch the sky and the beautiful natural bay overlooking the emerald sea. Its coastline is about 90 kilometers long, called the Coral Riviera: here lives the largest colony of coral of the highest quality. The most famous beach is Le Bombarde: transparent waters, sandy and clear seabed, destination for families with children, young people and surfers. Just one kilometer away, there is the Lazzaretto, ten coves with light and fine sand. A little further away, inside the bay of Porto Conte, the relaxing beach of Mugoni, golden sand that plunges into the calm waters of an always calm and crystal clear sea, a totally sheltered oasis. In the middle of the town, instead, there is the beautiful Lido di San Giovanni, while, just outside the town, the sand dunes covered with centuries-old junipers of Maria Pia. Much of the coast is protected by the marine area of Capo Caccia - Isola Piana, where hundreds of treasures are kept, including the cave of Neptune, which can be reached by land, via the Escala del Cabirol, and by sea, with boats leaving from the marina.

    The park of Porto Conte will win you over with its expanses of Mediterranean maquis, rich wooded areas and the Calich lagoon. The domus de Janas of santu Perdu, the necropolis of Anghelu Ruju and the complexes of Palmavera and sant'Imbenia, are the testimonies of the prehistoric roots of Alghero, starting from Neolithic times. The historic center is the most fascinating part of the city. A labyrinth of alleys that emerge in squares full of life. The yellow walls and ancient houses evoke the Catalan origins of the town. As well as the religious buildings: the cathedral of Santa Maria (16th century), the churches of Carmel (second half of the 17th century), with its large golden retable, of St. Michael, with its characteristic dome in colored majolica, and St. Anna (1735), in late Renaissance style. Speaking of culture, visit the Casa Manno, a research center with a rich heritage of paintings, furniture, books and manuscripts. Alghero is famous for its coral, which in local manufacturing art is combined with gold in a happy artistic marriage. Not to be missed is the Coral Museum, which reveals its history and forms. Among the events, suggestive is the Cap d'Any de l'Alguer, the New Year's Eve, with shows that animate the center. The most passionate moment of the year is Holy Week, with the religious rites of the Spanish tradition.

  • Castelsardo

    Indirizzo:
    07031 Castelsardo, Province of Sassari, Italy .

    Forse in età romana era la mitica Tibula, nel Medioevo è di certo stato per secoli fortezza inespugnabile, protetta da possenti mura e 17 torri, fino all’avvento delle armi moderne. Il nucleo originario di Castelsardo fu costruito attorno al castello dei Doria, risalente, secondo tradizione, al 1102, ma più verosimilmente a fine XIII secolo, attuale sede del suggestivo museo dell’Intreccio mediterraneo, uno dei più visitati della Sardegna. A inizio XVI secolo fu rinominato Castillo Aragonés e divenne sede vescovile sino alla costruzione della cattedrale di sant’Antonio Abate (1586), che ti stupirà con la torre campanaria a picco sul mare chiusa da una cupola maiolicata e con le cripte sottostanti, che ospitano il museo ‘Maestro di Castelsardo’. Sotto la dinastia sabauda, il paese assunse il nome attuale. Oggi fa parte dell’esclusivo Club dei borghi più belli d’Italia e mantiene intatta la nobile posa di signoria fortificata, grazie ai bastioni e ripide scale. Nel tour degli edifici religiosi e storici non puoi perderti la chiesa di santa Maria delle Grazie, il monastero dei benedettini, l’episcopio (sede del vescovo), il palazzo La Loggia, sede della municipalità fin dal 1111, e il palazzo Eleonora d’Arborea.

    riti della Settimana Santa sono l’evento più caratterizzante: la fede popolare va in scena in celebrazioni spagnoleggianti. Il Lunissanti, lunedì dopo la domenica delle Palme, è suggestivo e pittoresco, soprattutto all’alba con il lungo pellegrinaggio verso la basilica di Nostra Signora di Tergu. Di notte, il centro viene illuminato da fiaccole e risuona di cori sacri. Da non perdere anche la Prucissioni del giovedì santo e Lu Lcravamentu del venerdì. Il 17 gennaio si festeggia con i falò il patrono sant’Antonio. Da tradizioni a testimonianze archeologiche e monumenti naturali: nuraghe Paddaju, mura megalitiche prenuragiche di monte Ossoni e, a quattro chilometri dal borgo, domus de Janas, rilievi ‘a protome taurina’ e la roccia dell’Elefante.

    Il litorale castellanese è fatto di alte scogliere di trachite rossa. Pochi i tratti sabbiosi, tra cui la Marina di Castelsardo, all’ingresso del borgo e la spiaggia di Lu Bagnufrazione distante due chilometri e mezzo, protetta da rocce bordate di verde: arenile color crema con fondale cristallino punteggiato di scogli piatti. Per gli appassionati di windsurf e vela, è imperdibile una puntata a punta La Capra, il cui gioco fra mare e scogli crea una piscina naturale. Il mare è anche sulle tavole dei ristoranti castellanesi: aragosta, astice, granseole, ricci e frutti di mare.

  • Vigneti Sella & Mosca

    Indirizzo:
    Vigneti Sella & Mosca, Località I Piani, Alghero, Province of Sassari, Italy .

    LE VISITE SONO POSSIBILI TUTTO L’ANNO, DAL LUNEDÌ AL SABATO, AL MATTINO ALLE 10:30 E ALLE 11,30 E NEL POMERIGGIO ALLE 15:30 E ALLE 16:30.
    OGNI VISITA È SOGGETTA A DISPONIBILITÀ.

    VI ACCOMPAGNEREMO ALLA SCOPERTA DELLA STORIA DELLA CANTINA E DEI LUOGHI DOVE NASCONO I NOSTRI VINI.

    LA VISITA SI SNODA ATTRAVERSO LE CANTINE STORICHE DEL 1903 E 1923, LA CANTINA DI INVECCHIAMENTO TRADIZIONALE CON LE ANTICHE BOTTI DI ROVERE, LA CANTINA PER AFFINAMENTO IN BOTTIGLIA DEL MARCHESE DI VILLAMARINA, IL MUSEO DELLA STORIA SELLA & MOSCA CHE INCLUDE L’ILLUSTRAZIONE DEI REPERTI RINVENUTI NELLA NECROPOLI DI ANGHELU RUJU. LA VISITA DEI VIGNETI È SU RICHIESTA.

  • Bosa

    Indirizzo:
    08013 Bosa, Province of Oristano, Italy .

    Un incantevole borgo dove tradizione e modernità si fondono e infondono curiosità e fascino. La tua prima indelebile immagine di Bosa sarà il quartiere storico di sa Costa, fatto di case variopinte che si inerpicano sulle pendici del colle di Serravalle, dominato dal castello dei Malaspina, risalente al XII secolo. Lo raggiungerai a piedi: dall’alto, , ammirerai il panorama di tutta la cittadina. Il poetico Lungotemo con il Ponte Vecchio che cavalca il Temo, unico fiume navigabile in Sardegna, accompagnerà le tue passeggiate alla scoperta delle antiche concerie, che ricordano le radici di un centro famosissimo in Italia da metà 1800 a inizio 1900 per le produzioni di pellame d’alta qualità. A testimoniarlo anche il museo delle Conce.

    All’interno del borgo soffermati sulla chiesa dell’Immacolata Concezione, duomo cittadino, e sui suoi bellissimi affreschi. Dentro le mura del castello sorge la chiesa di Nostra Signora de sos Regnos Altos, impreziosita da un ciclo di dipinti del 1370: qua si svolgono a fine settembre le celebrazioni più suggestive dell’anno bosano. Vicino al centro abitato, nella località campestre di Calmedia, sorge la chiesa romanica di san Pietro extra muros, in origine centro della Bosa vetus prima che la popolazione trasmigrasse nel quartiere di sa Costa (Bosa nova), dove ammirerai sa funtana manna, monumento ottocentesco in trachite rossa.

    Bosa è il centro principale della regione storica della Planargia, luogo di tradizione artigianale ed enogastronomica, che ti accoglie con un calice di pregiata malvasia, uno dei vini dolci sardi più amati, e ti mostra le sue eccellenze: gioielli di corallo, cesti di asfodelo, tessuti, tra cui il filet, nato dall’antico sapere femminile e, non ultimo, il pescato. Un’altra tradizione contraddistingue il borgo: il Karrasegare osincu. Il Carnevale di Bosa è uno dei più caratteristici e popolati della Sardegna, unisce il fascino delle maschere tradizionali all’allegoria dei carnevali moderni.

    Nella foce del Temo sorgono il porto turistico fluviale e accanto Bosa Marina, località molto apprezzata e premiata ogni anno dalla Guida Blu di Legambiente. Le spiagge di s’Abba Druche, Portu Managu, Turas e Compoltitu completano lo scenario di bellezze costiere, dove potrai immergerti e rilassarti. Mentre se ti appassionano trekking e birdwatching, ecco il parco biomarino di capo Marrargiu e la riserva naturale di Badde Aggiosu e Monte Mannu.